viernes



2 comentarios:

dario trivelli dijo...

w sartana!ahahahaahahahah!!!


gerri scotti = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA! = m.o.n.n.e.z.z.a.

enrico mentana = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

bruno vespa = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.mimandaraitre.rai.it = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.giovannifloris.it= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.papizone.com= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


carlo verdone= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

fabio fazio= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

paolo bonolis = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

guglielmo de lisa= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

anellina de lisa= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

giulio de lisa= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

maria de lisa= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a. tel. puttana 0974 65274

emilia de lisa= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


fabri fibra = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.ilsensodellavita.tv = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

luca laurenti = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

vallo scalo = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

maurizio costanzo shock = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.annozero.rai.it = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

l'unione = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

http://www.unionesarda.it/ = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

http://www.italysoft.com/news/l-unione-sarda.html = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

http://www.mediatico.com/it/goto.asp?url=3568 = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

http://it.wikipedia.org/wiki/L'Unione_Sarda = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

romano prodi = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

pollica = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.

francesco rutelli=m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.gaetanomura.com = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA! = m.o.n.n.e.z.z.a.

www.eliocarozza.it = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.margheritapadova.it = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.margheritaonline.it = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.teatroliricodicagliari.it = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

www.mondobirra.org = m.e.r.d.a.= m.o.n.n.e.z.z.a

gerri scotti = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

maurizio costanzop shock = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

www..forum.mediaset.it= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

rita dalla chiesa= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a


paolo bonolis = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

luca laurenti= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

michele santoro = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

marco travaglio= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

www.pieroricca.org = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

gene gnocchi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo magalli = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo giovalli= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo giannini= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo filippone= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo filippis = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo de filippis = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

giancarlo de filippi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

maria de filippi = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

simona izzo= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

simona ventura= m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

valeria marini = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

roberto giacobbo = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

raoul bova = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

carlo verdone = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

riccardo scamarcio = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

emilio fede = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

italia = m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a

WWW.TEATROLAPROVVIDENZA.IT = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

VALLO DELLA LUCANIA = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


novi velia = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

futani = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

agropoli = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

cilento = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

IL NANO E TUTTI GLI ITALIANI = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

edmondo russo = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

mirella russo = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

santino scalone = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

VINCENZO SCALONE = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

MAURA GABRIELE = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

LA PUTTANA DI GIULIA = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

TERESA RICCO = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

ADELE SPLENDORE = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

CARMELA SANTI = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

RETE 7 = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

VALLO DELLA LUCANIA= M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

cilento = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


MIRKO BIANCHINI = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

classe 1995 = M.E.R.D.A. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

A CASA! A CASA! A CASA! A CASA!

giuseppe merola = m.e.r.d.a. tel 0974 65027 RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

http://www.comune.bologna.it/giuntacomunale/img/merola.jpg = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

http://www.educational.rai.it/railibro/interviste.asp?id=155 RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

http://www.jazzitalia.net/Artisti/kindofjazztrio.asp RUBE! VERGOGNA! = m.o.n.n.e.z.z.a.

http://www.comune.bologna.it/giuntacomunale/assessori.php RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.




http://www.teatrolaprovvidenza.it/programma07.asp = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

gerri scotti = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Webmaster:
ing.Paolino Vitolo = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Visita il sito
Invia un e-mail
ORGANIZZAZIONE

Amministrazione:
ENTE DIOCESI DI VALLO DELLA LUCANIA = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Direttore generale:
DON GUGLIELMO MANNA (3334918500) = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Direttore artistico:
CARLO SACCHI (3476761300) = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Consulenza musicale:
MAURIZIO IACOVAZZO (3386300590) = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


PRESENTAZIONE
Il desiderio di poter rendere un servizio sempre più qualificato e di ottimo livello ai fruitori degli spettacoli, in programma al teatro La Provvidenza, è stato sempre presente nei progetti degli organizzatori. All’inizio di questo nuovo anno 2007-2008, abbiamo pensato questo libretto da dare agli spettatori, perché potessero disporre di uno strumento, capace di offrire l’opportunità di una migliore partecipazione allo spettacolo. Quest’ultimo non può essere inteso esclusivamente come un momento ludico, bensì anche come occasione di crescita umana, sociale, culturale. Quest’anno la scelta degli spettacoli è stata fatta con molta oculatezza. Ogni sforzo è stato compiuto nell’interesse di tutti. Ci si rende conto che, nonostante i numerosi tentativi di essere qualitativamente validi, possono sempre accadere momenti di poco apprezzamento. Di ciò chiediamo scusa. Da parte nostra ci sarà tutto l’impegno per non deludere nessuno. Il prodotto, che presentiamo, è medio-alto. I nomi degli attori sono tutti di grande levatura artistica. Abbiamo cercato di mantenere i costi, nonostante l’offerta sia di grande valore anche economico. Ci auguriamo che tutto questo concorra a creare un clima di fiducia intorno al teatro La Provvidenza. La partecipazione spontanea e gioiosa alla vita del teatro può manifestare un grado piuttosto elevato di crescita culturale di una comunità, che nello scegliersi gli spettacoli offre l’immagine della propria personalità, offrendola come occasione di confronto, di dialogo, di momento fortemente stimolante. Oggi abbiamo ancora questa opportunità. Spetta a tutti accoglierla, valorizzarla, gestirla con intelligenza, viverla con la passione di chi ama perché cosciente che l’oggetto del proprio amore è troppo prezioso, per cui non si può correre il rischio di perderlo. Ormai a Vallo della Lucania il teatro è una realtà, che, dopo qualche anno di vero e proprio tirocinio, oggi si presenta come proposta matura per una comunità che sente la gioia dell’evento grazie all’impegno e al rischio continuo che, in modo particolare, S. E. Mons. Giuseppe Rocco Favale, vescovo di Vallo della Lucania insieme con i suoi collaboratori, ha profuso e continua ad offrire con grande spirito di intuito e di sacrificio.

Il Direttore generale
Don Guglielmo Manna
Alcuni documenti scaricabili da questo sito sono in formato PDF. Per visualizzarli è richiesto il programma Adobe Reader. Se necessario lo si può installare facendo clic sul bottone sottostante:




= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!


Stagione teatrale 2007 - 2008 Pagina iniziale

Programma stagione

Teatro e scuola

Archivio

Scrivici


PV Mercoledì 14 novembre 2007
CARLO GIUFFRE' = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

IL SINDACO DEL RIONE SANITA'
di Eduardo De Filippo

Sabato 24 novembre 2007
Assoc. corale "ANTONIO VIVALDI" = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

di Pavia = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

IL BARBIERE DI SIVIGLIA
di Gioacchino Rossini
Direzione di Gian Marco Moncalieri
Regia di Roberto Brivio

Lunedì 10 dicembre 2007
PEPPE BARRA = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

LA CANTATA DEI PASTORI
di Peppe Barra e Paolo Memoli = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Giovedì 10 gennaio 2008
(in omaggio agli abbonati)
Compagnia "IL SIPARIO"
di Agropoli = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

UN RAGAZZO DI CAMPAGNA
Regia di Pierluigi Iorio
Venerdì 1° febbraio 2008
FLAVIO BUCCI = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

IL MALATO IMMAGINARIO = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

di Molière
Regia di Nucci Ladogana = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


RAPPRESENTAZIONI RELIGIOSE

18 e 19 aprile 2008
SYCAMORE T COMPANY = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

FRANCESCO
di Enrico Zaccheo = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


(date da stabilire)
COMPAGNIA STABILE DEL CILENTO = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

IL RISORTO
di Daniele Ricci = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


CHIARA



Venerdì 15 febbraio 2008 = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

NINO D'ANGELO
L'ULTIMO SCUGNIZZO = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

di Raffaele Viviani = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Regia di Tato Russo = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Martedì 4 marzo 2008
LORETTA GOGGI = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

SE STASERA SONO QUI
di Riccardo Cassini e Loretta Goggi = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Regia di Gianni Brezza = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


Lunedì 31 marzo 2008
LELLO ARENA = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

SHAKESPEA RE DI NAPOLI = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

di Ruggero Cappuccio = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Regia di Ruggero Cappuccio = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.


A voi la scelta
(Opera scelta dagli Abbonati da una rosa di quattro proposta dalla Direzione artisitica)

Venerdì 4 aprile 2008
DEBORAH CAPRIOGLIO = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

IL SIGNORE VA A CACCIA
di George Feydeau = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.

Regia di Mario Scaccia = m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!= m.o.n.n.e.z.z.a.




Scarica qui il libretto col programma completoTorna su
= m.e.r.d.a. RUBE! VERGOGNA!


cosa ne pensa arnold schwarzenegger?

WWW.SCHWARZENEGGER.COM

www.terminator3.it












gerri scotti = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!


RITA DALLA CHIESA = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

MARCO SENISE = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

FRANCESCO RUTELLI = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

MICHELE CUCUZZA = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

SIMONA IZZO = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

ALBA PARIETTI= m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

PIPPO BAUDO= m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

KATIA RICCIARELLI = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

MIKE BONGIORNO = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

ALBA PARIETTI = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

MASSIMO GILETTI= m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

GENE GNOCCHI = m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!

ECC.= m.e.r.d.a. = AIDS = RUBE! VERGOGNA!


E COMPANY:
PARLERANNO DI :A.I.D.S.
http://www.aids.it/

La Fondazione Aids - Aiuto, Aids - Aid
mette a disposizione, attraverso questo sito,
la propria esperienza nell’offrire,
in un linguaggio semplice, informazioni scientifiche
sull’infezione da HIV e sull’AIDS.
Il sito, curato e aggiornato da un équipe
specialistica multidisciplinare, vi permetterà
di “navigare” attraverso tre aree tematiche
“medica, psicologica e legale”
all’interno delle quali troverete
informazioni e approfondimenti
ed uno spazio interattivo che vi darà la possibilità
di consultare uno degli specialisti di area

http://it.wikipedia.org/wiki/AIDS

AIDS è l'acronimo di Acquired Immune Deficiency Syndrome o, in italiano, sindrome da immuno deficienza acquisita e con esso si definisce la sindrome in cui si riscontra un insieme di manifestazioni dovute alla deplezione di linfociti T. In queste manifestazioni sono comprese infezioni da microrganismi rari o non patogeni ed insorgenza di tumori sia comuni nella popolazione generale sia caratteristici delle persone immunocompromesse sia peculiari di chi presenta tale sindrome. Nonostante numerosi studi abbiano verificato il legame tra il virus HIV e l'AIDS, generalmente accettato dalla comunità scientifica, vi sono alcuni studiosi che rifiutano quest'ipotesi.[1][2]


Il Fiocco rosso è il simbolo universale della solidarietà verso le persone sieropositive e quelle che convivono con l'AIDS.La sindrome è, allo stato attuale delle cose, curabile con numerosi farmaci ma ancora non guaribile, nel senso che non è possibile eradicare totalmente il virus dall'ospite. Le terapie odierne, di gran lunga meglio tollerate di quelle usate al momento dell'emergenza dei primi anni '80, riescono a ridurre la viremia (quantità di virus presente nel sangue) a livelli bassissimi o non rilevabili consentendo la rigenerazione dei linfociti e la prosecuzione di una vita esente dalle malattie opportunistiche che normalmente si presentano nelle persone non curate. L'andamento clinico-patologico della sindrome è estremamente variabile tra gli individui per il fatto che la progressione dell'infezione dipende da fattori genetici sia del virus (Campbell et al., 2004; Campbell et al., 2005; Senkaali et al., 2005) che dell'ospite (Clerici et al., 1996; Morgan et al., 2002a; Tang et al., 2003) che dalle condizioni igieniche e dalle co-infezioni (Morgan et al., 2002b; Lawn et al., 2004). Esiste un unico caso documentato in Italia, a Roma, di soggetto immune (vedi in seguito).

Nei paesi in cui le costose cure antiretrovirali e le cure per le infezioni opportunistiche e neoplastiche sono maggiormente disponibili, o come in Italia pagate dal SSN, la mortalità dell'AIDS è di molto ridotta (Palella et al., 1998), bilanciata però dai problemi causati dagli effetti collaterali (Montessori et al., 2004) dallo sviluppo di resistenza ai farmaci, dalla scarsa aderenza ai regimi terapeutici prescritti.

home page chi siamo scrivici newsletter privacy policy disclaimer link archivio mappa cercaCentro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salutehome page
argomenti di salute
Aids
le fasi della malattia

vie di trasmissione

hiv e gravidanza

strategie di prevenzione

come non si trasmette il virus

il test dell'Hiv

terapie

per saperne di più

aspetti epidemiologici
dati del 2006

dati del 2005

piano europeo

dati del 2002

Patrizio Pezzotti

studi
link
argomenti di saluteaids
Riportata per la prima volta in letteratura nel 1981, la Sindrome da immunodeficienza acquisita, altrimenti nota come Aids, rappresenta lo stadio clinico terminale dell’infezione da parte del virus dell’immunodeficienza umana (Hiv).



L’Hiv è un virus a Rna che appartiene a una particolare famiglia virale, quella dei retrovirus, dotata di un meccanismo replicativo assolutamente unico. Grazie a uno specifico enzima, la trascrittasi inversa, i retrovirus sono in grado di trasformare il proprio patrimonio genetico a Rna in un doppio filamento di Dna. Questo va inserirsi nel Dna della cellula infettata (detta "cellula ospite") e da lì dirige di fatto la produzione di nuove particelle virali.



Nel caso specifico dell'Hiv, le cellule bersaglio sono particolari cellule del sistema immunitario, i linfociti T di tipo CD4, fondamentali nella risposta adattativa contro svariati tipi di agenti patogeni. L'infezione da Hiv provoca quindi un indebolimento progressivo del sistema immunitario (immunodepressione), aumentando il rischio di infezioni e malattie – più o meno gravi - da parte di virus, batteri, protozoi e funghi, potenzialmente letali alla lunga distanza, e che in condizioni normali potrebbero essere curate più facilmente.



Le fasi della malattia
Dopo essere entrata in contatto con l'Hiv, una persona può diventare sieropositiva e cominciare così a produrre anticorpi diretti specificamente contro il virus, dosabili nel sangue. La sieropositività implica che l'infezione è in atto e che è dunque possibile trasmettere il virus ad altre persone. La comparsa degli anticorpi, però, non è immediata. Il tempo che intercorre tra il momento del contagio e la comparsa nel sangue degli anticorpi contro l'Hiv è detto “periodo finestra” e dura mediamente 4-6 settimane, ma può estendersi anche fino a 6 mesi. Durante questo periodo, anche se la persona risulta sieronegativa è comunque in grado di trasmettere l'infezione.

Da sieropositivi, è possibile vivere per anni senza alcun sintomo e accorgersi del contagio solo al manifestarsi di una malattia. Sottoporsi al test della ricerca degli anticorpi anti-Hiv è, quindi, l’unico modo di scoprire l’infezione.

Il periodo di incubazione può durare anche diversi anni, fino a quando la malattia non diventa clinicamente conclamata a causa dell'insorgenza di una o più infezioni cosiddette "opportunistiche". A provocarle sono agenti patogeni che normalmente non riescono a infettare le persone sane, ma soltanto persone con un sistema immunitario fortemente compromesso. Gli agenti principali sono:

protozoi, tra cui Pneumocistis carinii, responsabile di una particolare forma di polmonite detta pneumocistosi e Toxoplasma gondii, che provoca la toxoplasmosi, malattia che colpisce il cervello, l'occhio e raramente il polmone
batteri, soprattutto Mycobacterium tuberculosis, responsabile della tubercolosi
virus, tra cui Herpes e Cytomegalovirus (Cmv)
funghi, come per esempio la Candida albicans, che si può sviluppare in molte parti del corpo, soprattutto in bocca, nell'esofago e nei polmoni.
Nella fase conclamata dell'Aids si possono sviluppare diverse forme di tumore, soprattutto linfomi e sarcoma di Kaposi.



Vie di trasmissione
Esistono tre diverse modalità di trasmissione dell’Hiv: per via ematica, per via sessuale e per via materno-fetale.



La trasmissione per via ematica avviene con stretto e diretto contatto fra ferite aperte e sanguinanti e scambio di siringhe con un sieropositivo Durante le prime fasi dell’epidemia, quando erano minori anche l conoscenze sui sistemi di diffusione del virus, diverse persone sono state contagiate dall'Hiv in seguito a trasfusioni di sangue o alla somministrazione di suoi derivati. A partire dal 1985 questo tipo di trasmissione dell'infezione è stato praticamente eliminato, grazie a un maggiore controllo delle unità di sangue, al trattamento con calore degli emoderivati e alla selezione dei donatori, ma anche a un minor ricorso a trasfusioni inutili e ad un maggiore utilizzo dell’autotrasfusione.



La trasmissione attraverso il sangue rappresenta, invece, la principale modalità di contagio responsabile della diffusione dell’infezione nella popolazione dedita all’uso di droga per via endovenosa. L’infezione avviene a causa della pratica, diffusa tra i tossicodipendenti, di scambio della siringa contenente sangue infetto. Possono essere infatti veicolo di trasmissione dell’Hiv anche aghi usati, e in questo senso sarebbe opportuno sottoporsi ad agopuntura, mesoterapia, tatuaggi e piercing utilizzando aghi monouso e sterili. Con la stessa modalità è possibile la trasmissione sia dell’Hiv che di altri virus tra i quali quelli responsabili dell’epatite B e C, infezioni anch’esse molto diffuse tra i tossicodipendenti.



La trasmissione sessuale è nel mondo la modalità di trasmissione più diffusa dell’infezione da Hiv. I rapporti sessuali, sia eterosessuali che omosessuali, non protetti dal profilattico possono essere causa di trasmissione dell’infezione. Trasmissione che avviene attraverso il contatto tra liquidi biologici infetti (secrezioni vaginali, liquido pre-eiaculatorio, sperma, sangue) e mucose durante i rapporti sessuali. La trasmissione è possibile anche se le mucose sono integre.



Ovviamente, tutte le pratiche sessuali che favoriscono traumi possono provocare un aumento del rischio di trasmissione. Per questo motivo i rapporti anali sono a maggior rischio, perché la mucosa dell'ano è più fragile e meno protetta di quella vaginale. Ulcerazioni e lesioni dei genitali causate da altre patologie possono inoltre far aumentare il rischio di contagio.



Il coito interrotto non protegge dall'Hiv, così come l'uso della pillola anticoncezionale, del diaframma e della spirale. Le lavande vaginali, dopo un rapporto sessuale, non eliminano la possibilità di contagio.



I rapporti sessuali non protetti possono essere causa di trasmissione non solo dell’Hiv. Esistono, infatti, oltre 30 malattie sessualmente trasmissibili (Mst).


Hiv e gravidanza

La trasmissione da madre a figlio, o verticale, può avvenire durante la gravidanza, durante il parto, o con l’allattamento. Il rischio per una donna sieropositiva di trasmettere l’infezione al feto è circa il 20%. Oggi è possibile ridurlo al di sotto del 4% somministrando zidovudina (Azt, primo farmaco usato contro l’Hiv) alla madre durante la gravidanza e al neonato per le prime sei settimane di vita. Per stabilire se è avvenuto il contagio il bambino deve essere sottoposto a controlli in strutture specializzate per almeno i primi due anni di vita.



Tutti i bambini nascono con gli anticorpi materni. Per questa ragione, il test Hiv effettuato sul sangue di un bambino nato da una donna sieropositiva risulta sempre positivo. Anche se il bambino non ha contratto l’Hiv, gli anticorpi materni possono rimanere nel sangue fino al diciottesimo mese di vita, al più tardi entro i due anni. Il bambino viene sottoposto a test supplementari per verificare se è veramente portatore del virus o se ha ricevuto solo gli anticorpi materni.



Strategie di prevenzione

Poche semplici precauzioni possono ridurre, o addirittura annullare, il rischio di infezione da Hiv. Per evitare la trasmissione dell’infezione per via ematica:

evitare l’uso in comune di siringhe e aghi per l’iniezione di droghe
non sottoporsi ad agopuntura, mesoterapia, tatuaggi e piercing se gli aghi utilizzati non sono monouso o non sono stati sterilizzati
per gli operatori sanitari, fare attenzione nel maneggiare e utilizzare aghi e altri oggetti taglienti
per i medici, incoraggiare l’uso di autotrasfusioni e conformarsi in maniera rigida alle indicazioni per le trasfusioni di sangue: le donazioni di sangue vanno sempre sottoposte al test per l'Hiv, né devono donare sangue, plasma, sperma, organi per trapianti, tessuti o cellule le persone che abbiano avuto comportamenti a rischio.
Per evitare la trasmissione dell’infezione per via ematica sessuale:

avere rapporti sessuali mutuamente monogamici con un partner che non sia infetto
eventualmente, astenersi dai rapporti sessuali
nel caso di rapporti occasionali (vaginali, orogenitali o anali), utilizzare il profilattico.
L’uso corretto del profilattico può infatti annullare il rischio di infezione durante ogni tipo di rapporto sessuale con ogni partner. Nei rapporti sessuali il preservativo è l'unica reale barriera protettiva per difendersi dall'Hiv. Non vanno usati lubrificanti oleosi perché potrebbero alterare la struttura del preservativo e provocarne la rottura. È necessario usare il preservativo all’inizio di ogni rapporto sessuale (vaginale, anale, orogenitale) e per tutta la sua durata. Anche un solo rapporto sessuale non protetto potrebbe essere causa di contagio.



Per un uso corretto del profilattico è importante:

leggere le istruzioni accluse
indossarlo dall’inizio alla fine del rapporto sessuale
usarlo solo una volta
srotolarlo sul pene in erezione, facendo attenzione a non danneggiarlo con unghie o anelli
conservarlo con cura: lontano da fonti di calore (cruscotto dell'auto ed altro) e senza ripiegarlo (nelle tasche, nel portafoglio).
La pillola, la spirale e il diaframma sono metodi utili a prevenire gravidanze indesiderate, ma non hanno nessuna efficacia contro il virus dell’Hiv.



L’uso di siringhe in comune con altre persone sieropositive costituisce un rischio di contagio pertanto è necessario utilizzare siringhe sterili.



Le trasfusioni, i trapianti di organo e le inseminazioni, nei Paesi europei, sono sottoposti a screening e ad accurati controlli per escludere la presenza dell'Hiv.



Come non si trasmette il virus
Il virus non si trasmette attraverso:

strette di mano, abbracci, vestiti
baci, saliva, morsi, graffi, tosse, lacrime, sudore, muco, urina e feci
bicchieri, posate, piatti, asciugamani e lenzuola
punture di insetti
Il virus non si trasmette frequentando:

palestra, piscina, docce, saune e gabinetti
scuole, asili e luoghi di lavoro
ristoranti, bar, cinema e locali pubblici
mezzi di trasporto.
Il test dell'Hiv

Per sapere se si è stati contagiati dall’Hiv, è sufficiente sottoporsi al test specifico per la ricerca degli anticorpi anti-Hiv che si effettua attraverso un normale prelievo di sangue. Il test anti-Hiv è in grado di identificare la presenza di anticorpi specifici che l’organismo produce nel caso in cui entra in contatto con questo virus. Se si sono avuti comportamenti a rischio è bene effettuare il test al termine del sesto mese dall’ultimo rischio di contagio (periodo finestra), poiché gli anticorpi anti-Hiv possono presentarsi anche entro sei mesi di distanza dall’esposizione al contagio.

Bisogna tenere presente che durante il cosiddetto “periodo finestra” (periodo di tempo che va dal momento del contagio a quello della comparsa degli anticorpi) è comunque possibile trasmettere il virus pur non risultando positivi al test.



La Legge italiana (135 del giugno 1990) garantisce che il test sia effettuato solo con il consenso della persona. Il test non è obbligatorio, ma se si sono avuti comportamenti a rischio sarebbe opportuno effettuarlo.


Per eseguire il test, nella maggior parte dei servizi sanitari, non serve ricetta medica, è gratuito e anonimo. Le persone straniere, anche se prive del permesso di soggiorno, possono effettuare il test alle stesse condizioni del cittadino italiano.


Per la sicurezza del neonato, tutte le coppie che intendono avere un bambino dovrebbero valutare l’opportunità di sottoporsi al test. La legge prevede che il risultato del test venga comunicato esclusivamente alla persona che lo ha effettuato.

Sapere precocemente di essere sieropositivi al test dell’Hiv consente di effettuare tempestivamente la terapia farmacologica che permette oggi di migliorare la qualità di vita e vivere più a lungo.



Le terapie

Oggi i medici propongono la terapia Haart (Higly Active Anti-Retroviral Therapy) contro l'infezione da Hiv alle persone sieropositive, sulla base dei cosiddetti "valori" dei linfociti CD4 (cellule del sistema immunitario) e della carica virale (numero di particelle di Hiv nel sangue) che misura la velocità di replicazione dell'infezione.

La terapia è in genere composta da più farmaci antiretrovirali che permettono di ridurre la carica virale e migliorare la situazione immunitaria. Il medico potrà spiegare meglio quali sono le varie possibilità terapeutiche, i possibili effetti collaterali, le modalità di assunzione dei farmaci. Nel 1987 è stato introdotto il primo farmaco antiretrovirale, la zidovudina (Azt), in grado di inibire l'attività della trascrittasi inversa, fondamentale per la replicazione dell'Hiv. A questa molecola hanno fatto seguito altre con meccanismo d'azione simile. Successivamente si sono aggiunti il 3tc e il D4t, come farmaci sinergici rispetto all'azione dell'Azt, ma anche altri inibitori della trascrittasi inversa, come la nevirapina e l'efavirenz, che agiscono con un diverso meccanismo.



Nel 1997 è stata introdotta una nuova categoria di farmaci, gli inibitori della proteasi (come l'amprenavir), capaci di ostacolare l'enzima virale necessario per completare la sintesi del rivestimento esterno del virus.



A causa della forte tendenza dell'Hiv a mutare (la trascrittasi inversa è un enzima che spontaneamente introduce degli errori nel genoma virale), è necessario non soltanto trovare farmaci sempre nuovi, ma anche adottare delle terapie combinate. In questo modo si cerca di ridurre al minimo o quantomeno di ritardare l'insorgenza di ceppi virali multiresistenti.



Sono inoltre in sperimentazione classi di farmaci mirate alla stimolazione e al supporto del sistema immunitario, piuttosto che a una diretta azione antivirale. Accanto a farmaci, sono in corso molti studi in diversi laboratori in tutto il mondo per mettere a punto un vaccino efficace, che possa associare a una azione preventiva anche una possibile azione terapeutica.



Nei Paesi occidentali i successi terapeutici contro l'Aids sono dunque in gran parte dovuti ai risultati ottenuti dalla ricerca scientifica che ha consentito di individuare farmaci dotati di potente attività antivirale.

Occorre tuttavia tenere ben presente che le attuali strategie terapeutiche non consentono la guarigione dall'infezione ma permettono di tenerla sotto controllo. È quindi essenziale individuare nuove strategie terapeutiche con meccanismi di azione diversi da quelli di cui oggi disponiamo.



Per saperne di più



È possibile chiamare il Telefono Verde Aids (Tva) dell’Istituto superiore di sanità al numero 800-861061. Il servizio, anonimo e gratuito, è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 13.00 alle ore 18.00. Gli esperti del Tva garantiscono una informazione scientifica, aggiornata e personalizzata.



A partire dal 19 marzo 2007, l’intervento di counselling telefonico su Hiv e Aids, oltre che in italiano, viene offerto anche in altre sette lingue. I mediatori linguistico culturali sono presenti ogni giorno, a turno, secondo il seguente calendario:




lunedì mediatore per le persone di lingua inglese e francese

martedì
mediatore per le persone di lingua romena

mercoledì
mediatore per le persone di lingua spagnola

giovedì
mediatore per le persone di lingua cinese e araba

venerdì
mediatore per le persone di lingua russa




Sul sito del ministero della Salute, sono state raccolte le domande più frequenti pervenute al Tva: leggi le faq.

EpiCentro


Ultimo aggiornamento giovedi 28 giugno 2007
home - granditemi - argomenti di salute - focus - discussioni -
ebp - corsi - appuntamenti






cosa ne pensa arnold schwarzenegger?

WWW.SCHWARZENEGGER.COM

www.terminator3.it












D r o g a e P r o s t i t u z i o n e



http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/cronaca/cocaina-vip/cocaina-vip/cocaina-vip.html


CRONACA

Dall'arresto di un corriere a Viterbo, la Mobile di Roma è risalita ai vertici dell'organizzazione
Gestiva il traffico un gruppo di famiglie: se arrestavano il padre subentrava la figlia
Cocaina e hashish ai vip dello spettacolo
Nove in carcere. Tra i corrieri una minorenne

http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/cronaca/cocaina-vip/cocaina-vip/stor_11483432_37300.jpg

Operazione della polizia contro lo spaccio di stupefacenti

ROMA - Ci sono anche personaggi dello spettacolo tra i clienti che si rifornivano di hashish e cocaina dalla banda sgominata stamane all'alba dagli agenti della squadra mobile di Roma. Li riforniva tra gli altri una ragazzina che non aveva neppure diciotto anni, entrata nell'organizzazione dopo che la Polizia aveva arrestato suo padre e la nonna ultrasettantenne. In carcere sono finiti in nove, tra grossisti e corrieri, che vendevano lo stupefacente anche sul mercato di strada. Tre sono riusciti a sfuggire alle manette: su di loro pende un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per detenzione e spaccio.

Un'organizzazione che aveva base a Tor Bella Monaca, alla perferia della capitale, ma spacciava anche nel centro di Roma. Un gruppo di famiglie coalizzate tra loro gestivano il traffico di cocaina, hashish ma anche di eroina. Se la polizia arrestava il capofamiglia, subentrava il fratello o il cugino. C'era spazio anche per la nonna seppure avesse compiuto già i 70 anni. E se anche lei, com'è capitato, finiva agli arresti, il mercato passava alla nipote diciassettenne e al suo fidanzatino.

Ai vertici dello spaccio un'ex guardia giurata, 49 anni, Costantino Mara, e Carlo Daneluzzi, 42 anni, già noti alle forze dell'ordine. Gli altri arrestati facevano la spola tra Roma e Tor Bella Monaca per piazzare le dosi. "Ho acquistato una macchina nuova", dicevano al telefono intercettato dalla polizia. "Ho del vino risso", oppure "Ho messo l'olio nel motore": era il loro modo per comunicare l'arrivo di una nuova partita di droga.

"Eravamo su quel gruppo di spacciatori già da tempo", ha detto il portavoce della squadra mobile. "Dall'arresto di un corriere a Viterbo - hanno spiegato in questura - siamo risaliti, anello dopo anello, ai vertici dell'organizzzazione".

(26 ottobre 2007)


http://www.fuoriluogo.it/highlights/coca_panorama.html

Cocaina. Così fan tutti

La chiamano Bamba, Neve, Svelta, Bonza... Era la droga dello star system. Adesso, invece, anima le serate di imprenditori, studenti, operai. Trovarla? È facilissimo. Sniffarla? Non fa più scandalo. «Panorama» si è infiltrato tra consumatori insospettabili e pusher dalla doppia vita. Ecco il resoconto di un weekend stupefacente tra italiani perbene.


di
GIACOMO AMADORI 9/3/2001

Sono i giorni delle sfilate della moda. In una camera d'albergo ci sono il pusher, due modelle, un giocatore di basket Usa e un avvocato. Le «piste» vengono stese su un vassoio adagiato sul letto: si «pippa» e si beve champagne.

Modelle, imprenditori, calciatori. Ma anche impiegati, operai, studenti. Backstage modaioli e bilocali di periferia, locali esclusivi e bar sport. Quello della cocaina in Italia è ormai diventato un consumo di massa. Tanto che in certi ambienti il pusher personale è ormai uno status symbol, un numero di cellulare da far leggere di nascosto agli amici fidati. In Italia il prezzo della polvere bianca oscilla dalle 200 mila lire al grammo di Bolzano alle 130 mila lire di Perugia.

A Milano costa circa 150 mila lire a bustina (da 0,8 grammi). Panorama ne ha acquistata una dose, per agganciare uno dei pusher più conosciuti di Milano. E con lui ha vissuto quattro notti consecutive. Eccole, raccontate fotogramma per fotogramma.

Milano, venerdì 2 marzo, ore 23.
Una Brava metallizzata si ferma davanti alla nostra macchina. Scende un ragazzo sulla trentina, cappellino da baseball, giaccone scuro con cappuccio. Si avvicina. Si abbassa. Vuole i nomi, il mio e quello del fotografo, ovviamente in incognito. Tutto ok. Siamo le persone che lo hanno contattato. Ci ordina di seguirlo. A Milano le strade sono impiastricciate di neve sciolta, l'aria è pesante d'acqua. Il pusher è stato contattato grazie a un amico che, come si dice in gergo, «pippa» cocaina.

L'auto fila in via Farini, di fronte a uno dei ristoranti più esclusivi di Milano. Nella sala scura del locale, durante la settimana della moda, è un viavai di accompagnatori e modelle. Ci appostiamo davanti all'ingresso. È la seconda fase dell'acquisto di cocaina. L'attesa dura pochi secondi. Il pusher, che chiameremo Stefano, si guarda intorno, tranquillo. È italiano, con un accento del Nord: di giorno potrebbe fare qualunque lavoro. Ha accettato di incontrarci perché abbiamo bisogno di un grammo di droga. Arriva una Mercedes scura. Scende un uomo alto ed elegante. È un tunisino sulla quarantina, si chiama Sahmir. In mano stringe un sacchetto. Non si fida, guarda il suo «capo» con sguardo interrogativo. Poi con un sorriso nervoso domanda: «Non è che questi sono sbirri?». Stefano lo tranquillizza. Sahmir ci porta in una zona senza luce, sotto un albero, poi ci consegna la bustina: 0,8 grammi, 150 mila lire. «Basta per tutti e due» assicura, con tono esperto

Lo spaccio di cocaina avviene anche all'interno di discoteche, in particolare nei cosiddetti privé, che però sono accessibili solo a pochi e selezionati clienti.

Stefano sta per risalire sulla Brava. Lo tratteniamo. Spieghiamo che non conosciamo Milano, ma vogliamo divertirci: siamo disposti a spendere, magari per partecipare a un coca-party. Meglio se con modelle. Sembra un sogno da B-movie, ma Stefano non sembra stupirsi. Chiede 1 milione e promette di scortarci alla scoperta delle notti bianche.

All'1.30 ci trasferiamo in corso Como, che brulica di ritrovi di tendenza. Modelline, stipate su monovolume con sopra il nome delle agenzie, girano alla ricerca del divertimento, qualche volta «da sballo». Fuori da un bar, un altro spacciatore tunisino, con le braccia completamente «intarsiate» dalle coltellate, vende tranquillamente una bustina di cocaina a un ragazzo sulla ventina, trasandato.

Stefano sorseggia una birra, poi, da esperto del settore, racconta il mercato in città: «Vendi bene se conosci i baristi, sono loro che ti mettono in contatto con i clienti». Spiega che il giro della «bamba» non è un'esclusiva dei nordafricani. Nei locali sono tornati anche gli italiani. Soprattutto i calabresi che controllano il traffico della cocaina che arriva dai Balcani.

Pochi metri a destra, la discoteca delle mannequin, l'Hollywood, si sta riempiendo. All'ingresso c'è un metal detector per bloccare pistole, coltelli e macchine fotografiche. Ma se sei conosciuto fanno uno strappo alla regola. Stefano telefona a uno dei responsabili del locale: vuole un tavolo. Il contatto gli dà buca: il sabato delle sfilate è impossibile trovar posto nel privé. Provo a chiamare lo stesso numero di cellulare: risponde davvero la persona indicata dal pusher, ma il tavolo non c'è neppure per i giornalisti.

Non ci arrendiamo ed entriamo. I buttafuori sono nervosi, schiaffeggiano chi pressa per entrare nel settore riservato. Sui divanetti una modella si arrampica su un giovane tutto muscoli di colore che sembra una bodyguard. Nel bagno privato si accalcano ragazzi e ragazze. Impossibile controllare che cosa succeda dietro la porta. «Dentro alle discoteche è facile spacciare. Si vede in faccia chi cerca la roba» chiosa Stefano, mentre osserva i giovani che ballano con lo sguardo del professionista.



La prima serata nella Milano che «pippa» è strana. Il telefonino di Stefano trilla spesso. L'ultima chiamata è quella di un manager di borsa che è appena arrivato da Monte Carlo e cerca cocaina. Telefona anche una quarantenne sudamericana che lavora in un consolato italiano e ha passaporto diplomatico. Per placare il «vizietto» vola da Oltreoceano con ovuli di colombiana nello stomaco. Stefano continua: «I miei clienti sono persone che contano, figli di papà, calciatori». Poi snocciola nomi insospettabili, famosi. «Entro ed esco da case importanti, partecipo a feste» racconta. In Versilia dice di organizzare party in casa di un cantante: parla di vassoi pieni di cocaina. Come nei film. Stefano rifornirebbe, a suo dire, persino alcuni manager del Pirellone, sede della Regione Lombardia.
Giovani e anziani, uomini e donne, i clienti sono trasversali: «La cocaina non ha età e non ha sesso. Ma si vende soprattutto d'estate quando la gente esce di più, ha voglia di divertirsi».

Nelle giornate della moda le vendite aumentano: «È un passaparola». Giovedì 1° marzo, Stefano è stato a San Remo a rifornire alcuni ospiti del Festival. Tra questi ci sarebbe stata anche una soubrette del giro dei vip. Un viaggio con 20 grammi di cocaina. Prezzo: 250 mila lire al grammo, comprensive dell'indennità rischio. Il pusher risale sulla sua auto, quindi confida come l'ha acquistata: «Mi è costata 10 grammi di coca, me l'ha data un cliente sul lastrico». Lo spacciatore va via, l'appuntamento è per la sera successiva.

Milano, domenica 4 marzo, ore 20.
Stefano ha trovato due modelle che hanno voglia di «pippare». Ci invita. Accettiamo. In cambio ci chiede di prenotare una camera in un hotel di livello. Ci facciamo trovare già in camera. Massimo Sestini, il fotografo, ha nascosto la macchina e può scattare con un semplice movimento della mano. Il pusher arriva con due splendide ragazze venticinquenni, Simona e Kate. La prima è bionda, ha origini sudamericane, unghie con brillantini. Parla perfettamente italiano. L'amica ha i tratti orientali, la carnagione scura, è bellissima. Stefano ha invitato anche due ragazzi: un giovane avvocato milanese, Giorgio, e un giocatore di basket statunitense, Michael, che lavora in una base Nato. Non sniffa per non inciampare nei controlli delle urine, di routine tra i militari Usa. Simona e Kate chiedono champagne. Poi si chiudono in bagno per cambiarsi d'abito. Mentre si truccano davanti allo specchio, come in un backstage di moda, Stefano prepara di fianco a loro un po' di cocaina: tre strisce. Poi si abbassa e aspira.



Simona è allegra, espansiva. Beve champagne e «pippa». Il pusher posa sul letto un vassoio. Prepara altra cocaina, la schiaccia con una vecchia scheda telefonica, con sopra Mandrake: «Le ricaricabili sono le migliori». L'avvocato trentenne punta la droga. Si aggiusta la cravatta, si allunga sul letto e aspira. Ci guarda. Per lui è la prima volta, confida. Registriamo le sue sensazioni: «Mi bruciano le narici, mi sento il naso umido come se avessi il raffreddore. Ho i sensi amplificati». Le ragazze escono dal bagno. Si brinda di nuovo, in camera. Poi Simona si appoggia sul materasso e aspira per la seconda volta. Kate fuma una sigaretta, stasera non «pippa». Parla del suo lavoro di modella, tutto di un fiato. Gesticola.
Le ragazze chiedono di andare a cena. Il festino si interrompe. Stefano ritira la cocaina in un sacchetto di carta, che si impregna: «Potrebbe essere roba scadente» dice, rabbuiandosi. Chiama subito Sahmir, lo aggredisce. Lui si giustifica spiegando che erano le ultime dosi della partita.

In realtà, lunedì 5 marzo abbiamo fatto analizzare la nostra bustina dal laboratorio di biochimica clinica dell'Ospedale Niguarda Ca' Granda di Milano. Il direttore chimico, Francesco Zoppi, l'ha esaminata attraverso una gascromatografia-spettrometria di massa. E ha concluso: «È cocaina senza impurità. Manca persino la lidocaina, uno dei tagli più frequenti. Ha solo un gusto un po' troppo salato per un habitué». Poi, con Zoppi, abbiamo buttato la cocaina in bagno.

All'1 di domenica ci trasferiamo in una discoteca tra le più in della città. Le serrature dei bagni sono state staccate, i buttafuori tengono d'occhio i ragazzi in fila. Stanno attenti che nessuno si chiuda dentro per un tempo sospetto. Sembra più un Grande fratello che un locale di divertimento. Un teenager vestito alla moda con l'erre moscia ride perché «qui stanno pippando tutti». Ma in giro non c'è traccia di oro bianco. Solo in un privé, buio e inaccessibile, qualcuno potrebbe tirare fuori la polverina senza dare nell'occhio.


Nel bagno destinato agli handicappati c'è uno strano traffico: uno dei pierre del locale entra con ragazze diverse. Arriva un collega e quasi vengono alle mani, perché quel bagno «non va assolutamente utilizzato». Nella confusione, dalla toilette off-limits scivola fuori la cantante della serata. Ha il microfono in mano, è visibilmente su di giri: si era appartata con il pierre. È una scena grottesca.

Milano, lunedì 5 marzo, ore 23,30.
Il pusher ci invita a un festino privato. Evidentemente gli siamo simpatici. L'appuntamento è in piazzale Loreto. Da lì ci spostiamo di pochi metri, in viale Monza, per acquistare la cocaina da portare alla padrona di casa. Il pusher avvicina due marocchini sulla quarantina. Anche loro sospettano che siamo poliziotti.

Stefano pronuncia alcune parole in arabo, poi telefona a un venditore nordafricano che garantisce per lui. A pochi passi, chiuso in una cabina telefonica, c'è il piccolo Ibrahim, 12 anni, che passa le serate fingendo di telefonare: al massimo rischia di passare qualche ora al Beccaria. A un segnale esce e sputa una bustina di coca. La tiene sotto la lingua.

Stefano acquista 240 mila lire di «bamba», prezzo speciale: sono più di 2 grammi. Prossima tappa la zona di piazza Cinque Giornate, dove vive Sofia, una modella di origine tedesca. Saliamo all'ultimo piano di un palazzone anni Cinquanta. Apre la ragazza: è alta, occhi grandi e senza trucco, capelli scuri raccolti. Vive insieme con suo cugino Klaus, modello pure lui. La casa è piena di candele accese, oggetti orientali, cuscini. In sottofondo ritmi spagnoli. Sulla mensola una foto di Sofia abbracciata a Vasco Rossi, conosciuto una sera, per caso. Vicino alla cornice argentata, una lettera con carta intestata di Russell Crowe, il Gladiatore cinematografico.

La ragazza non fa solo la modella, ma anche l'escort di lusso. E l'attore americano sarebbe la sua ultima conquista: «Ci vediamo da un mese» confida. Sofia è impaziente di «pippare». Si fa preparare la «pista» da Stefano. In attesa fuma una canna, «roba buona».



Klaus è appoggiato sul letto, un futon giapponese. Anche lui ama la cocaina, ma tira solo una volta per pudore: troppi sconosciuti intorno. Dopo che siamo usciti, Sofia telefona al suo pusher, per fargli i complimenti: lei e il cugino hanno aspirato tutto sino all'ultimo granello. «Quella ragazza è incredibile, peggio di un formichiere» commenta il suo spacciatore.

Milano, martedì 6 marzo, ore 23.
La quarta notte con Stefano regala una tranquilla serata in casa di una coppia di fotografi, in zona Forlanini. Hanno invitato due amici per cena. A fine serata le ragazze chiedono la prova d'amore. Goffredo, l'ospite, telefona a Stefano, per il rifornimento. Ci precipitiamo.

Entriamo, tra lo stupore generale. Ma il clima si scioglie appena il pusher tira fuori il regalo. I quattro, abiti sportivi e un bel po' di vino in corpo, liberano un tavolino di vetro. Il più esperto di «bamba» si rivela l'invitato, Paolo, anche lui fotografo. Prepara tutto per bene. Poi offre un biglietto da 5 mila lire alla propria compagna. Lei, con lo sguardo innamorato e un neo alla Cindy Crawford, si piega sulla montagnetta bianca. Il biglietto gira tra gli amici, come una canna di lusso.

Arriva un messaggio sul cellulare di Stefano. È la moglie: lo aspetta a casa, insieme con il figlio di 10 anni. Gli occhi del pusher cambiano luce, ritorna dottor Jekyll. Ritorna padre e marito. I piani della sua vita schizofrenica si sovrappongono. Per Stefano la serata è finita. Domani mattina sarà di nuovo un tranquillo commerciante milanese, con villetta e cane in giardino. Il vicino della porta accanto.


I golosi del «panino farcito»
È qui la coca: dalla prestazione sessuale con optional ai messaggi in codice
«Cinquanta in macchina e cento in casa». Apre lo sportello dell'auto e sale. Le sue gambe sono lunghe, snelle, bellissime. La minigonna è talmente corta che non sfiora neppure le autoreggenti. Dichiara di essere brasiliana, di avere 26 anni e di chiamarsi «mmm, diciamo Janette». Chiede: «E il tuo nome?». Risposta: beh, allora io sono James Bond. Perfetto, le sarebbe andato bene anche Brad Pitt. Janette è transessuale, ma guai a parlarle al maschile: «Mi sento donna, una vera donna». E sia. Lei è una delle tante che ogni sera battono i marciapiedi delle grandi città per vendere 20 minuti di trasgressione («Se vuoi stare di più fanno 200 mila lire»).
Le macchine fanno la fila. Ci sono le utilitarie, ma molte sono di grossa cilindrata. Sì, perché Janette, inconsapevolmente, è una specie di ammortizzatore sociale: i suoi clienti sono operai, impiegati, ma anche avvocati, dentisti e uomini dello spettacolo. Tutti in cerca di emozioni forti. E in molti casi di quello che lei chiama il «vino bianco». Cosa? «Sì, la cocaina. Vuoi che mi spogli, facciamo qualcosa?». No, vorrei parlare. «Vuoi pippare?». No. «Peccato, molti miei clienti lo fanno», e va giù con una sfilza di nomi di vip e calciatori da far tremare lo star system. «Al telefono mi dicono che vogliono trovare il "vino bianco". Io prendo la coca dalle mie amiche, molte sono delle vere pusher. Per un grammo pago dalle 150 alle 200 mila lire. Dopo aver pippato, con i miei habitué succede di tutto: c'è chi vuole fare le cose più strane di questo mondo, chi vuole solo che sfili per ammirarmi le gambe e chi invece mi porta in giro alle feste di amici. In tutti i casi, "pippata" inclusa, non chiedo mai meno di 1 milione». Sorride, è molto accattivante: «Sei proprio sicuro di non voler far niente?».
C'è chi «tira» con Alessandro Volta, chi proprio non se la sente di far un torto a Caravaggio e chi aspetta impaziente l'arrivo dell'euro. Bazzecole, sfumature: quello che appare sempre più indubbio è che oggi la banconota arrotolata finisce nel naso di tantissimi italiani. È la globalizzazione. Se Internet si avvia pian piano a entrare nelle case di tutti, la cocaina è da tempo un fenomeno di massa. Entra nei bar, nelle fabbriche, nei campi di calcio. E passa per la porta principale di studi professionali, ospedali, redazioni di giornali e multinazionali. Fino ai palazzi della politica. Insomma, da fattore emarginante, la droga è diventata una sorta di status symbol: negli ambienti che contano non sei nessuno se non hai il pusher giusto. Così come quest'ultimo costruisce il suo personale curriculum sulla rosa più o meno distinta di nomi in agenda.
E gli spacciatori dei parchi e delle zone buie della città? Ci sono ancora, nella maggior parte dei casi sono extracomunitari e forniscono ragazzini, studenti e chi non può permettersi grosse spese. Avvolta nel domopack, a Milano, dalle parti di piazza Vetra, la «neve» costa meno di 100 mila lire al pezzo (0,7 grammi). Sempre all'aperto, altri punti vendita sono alcuni chioschi di panini situati vicino ai locali notturni di massa. Per comprarla (è avvolta in carta colorata a forma di barchetta) occorre un minimo di conoscenza; si chiede un «un panino farcito». Fin qui i consumatori del weekend in cerca di divertimento sfrenato.
I veri cocainomani, invece, quelli che per «pippare» spendono più di 200 mila lire al pezzo e dai 2 ai 3 milioni al mese, fanno tutto con il cellulare. Chiamano il pusher di fiducia e via con una serie di messaggi in codice: «Puoi passare? Ho bisogno di parlarti due minuti. In quanti siete? Siamo in tre. Ho preso quattro biglietti per il concerto». Tanta fantasia, sempre un numero di mezzo: la bustina è servita.



http://www.antiproibizionisti.it/notizia.asp?n=2061

http://forum.panorama.it/viewtopic.php?pid=57350


E in quest'isola ci metterei proprio tutti quelli che fanno uso di droga, VIP compresi. Potrebbe diventare "l'isola dei famosi". ...


http://www.queerblog.it/post/1130/vip-e-droga-3-britney-spears


http://www.atuttonet.it/forum/personaggi-famosi/1335-vallettopoli-scandali-dei-vip-droga-sesso-e-scoup.html


http://realityshow.blogosfere.it/2008/01/alcol-e-droga-britney-spears-ha-evitato-il-reality-altri-vip-no-in-america-ce-celebrity-rehab.html



http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2003/11_Novembre/21/pera.shtml


http://redazione.romaone.it/4Daction/Web_RubricaNuova?ID=69781&doc=si


http://www.gossipcelebrita.com/category/droga-alcool/page/4

http://www.adunanza.net/forum/archive/index.php/t-26386.html

http://www.navytrieste.com/divertimento_a_trieste.htm


..:: DISCO BAR ::..

BEFeD
BREW PUB
www.befed.it
Viale Miramare, 285 040 44104
Spetic 2
al punto G
Via Economo, 12/1
040 308490
INFERNO
Rock pub
www.infernorockpub.com Via S.Francesco, 74 328 9641541
CIBO MATTO Via Macchiavelli, 3 040 360985
NAIMA coctails & wine Via Rossetti 6/c
LA BUCA DI
S.FRANCESCO Via S.Francesco, 30 040 634833
IL GABBIANO Riva Grumula, 4 040 306541
Round Midnight
drinks, food & music

Via Ginnastica, 39
040 369433

JUICE
aperto dal lunedi' al sabato
Via Madonnina, 10
TOR.Q 2.0
drinnks@food
Via Ginnastica, 39
040 369433

VIDA LOCA V.le Miramare, 23/C 349 3243117
TAVERNETTA
AL MOLO
Grignano mare - Trieste



..:: NIGHT CLUB ::..


CRISTAL
( ex OTTAVIANO
AUGUSTO)
Via Ottaviano
Augusto, 2/b

CARILLON
Via S.Francesco., 2
1° piano
040 371156

MALIBU'
Via XXX Ottobre, 4
040 634185



Carillon Night Club


Categoria SEXY CLUB

Indirizzo Trieste - via San Francesco d'Assisi, 2
Telefono 040-371156


http://en.sonorika.com/kontiki2nightclub




Kon Tiki 2 Night Club
Address:Viale Trieste, 11, San Benedetto Del Tronto -Ascoli Piceno (Italia)


http://www.triestin.it/sezioni/locali/scheda_locale.asp?LocaliID=191

"Savron"
Indirizzo Devincina, 25 - Loc. Prosecco
Telefono 040 - 225592

ORARIO DI APERTURA
Chiuso il MARTEDI e il MERCOLEDI - ferie in FEBBRAIO





.........................................................................................................


Immerso nel verde del Carso, questo locale è il baluardo triestino della vera cucina mitteleuropea. Dispone di due sale accoglienti e caratteristiche e nella bella stagione di un freschissimo pergolato curato dalla maestria.

Il menù propone tra l'altro gli antipasti caldi di verdure o di carni con salse asburgiche. Tra i primi sfizioso lo struccolo converdure di stagione (porro, zucchine, ecc.), gnocchi al prosciutto d'alce. tra i secondi gustoso il cinghiale al vino rosso e bacche di ginepro, la lombata di cervo con marmellata di mirtilli, il vitello lardato, e lo stinco di maiale alla birra. Invitanti i dolci con strudel alla frutta di stagione e la classica torta Sacher. La carta dei vini, molto selezionata ed esauriente, predilige i rossi sia regionali che nazionali.


"Bella Trieste"
Indirizzo via del Pane Bianco, 96
Telefono 040 - 815262

ORARIO DI APERTURA
dalle 12:00 alle 15:00 dalle 17:00 alle 00:00 - Chiuso il LUNEDI


=m.e.r.d.a. = m.o.n.n.e.z.z.a.


http://it.health.yahoo.net/c_news.asp?id=3093

http://www.alcoldrogalegale.com/alcol%20in%20auto%20nemico%20numero1.htm

http://www.dica33.it/argomenti/tossicologia/droghe/cocaina4.asp

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CELEX:32004G0422(01):IT:HTML

http://www.onuitalia.it/conf_palermo.php

http://www.asgmedia.it/immagini/Incidenti%20stradali/incidente2.jpg

http://sviluppo.centrodiascolto.it/2007/09/23/foto/195295.jpg

http://www.lartemisio.net/upload/rte/mortaleok.jpg

http://www.ladestra.info/public/wordpress/wp-content/uploads/2007/10/incidenti_stradali.jpg

http://lavocedelpadrone.net/files/images/Arma.jpg


http://www.retebiella.it/media/immagine/ACF291.jpg

http://www.unicri.it/min.san.bollettino/bulletin_it/2001-1/Anfilocchi_Fig2.GIF

http://www.unicri.it/min.san.bollettino/bulletin_it/2001-1/anfilocchi.htm

http://www.lartemisio.net/upload/rte/INCID40.jpg

http://www.prodigio.it/4/incidente.jpg

http://altocasertano.wordpress.com/2007/10/10/


_________________________________________________________________________________________________________________________________

cosa ne pensa arnold schwarzenegger?

WWW.SCHWARZENEGGER.COM

www.terminator3.it

Size Gain Pills dijo...

La medida de longitud mínima del pene se establece en 7,1 cm en máxima extensión. La preocupación por alargar el tamaño del pene es motivo creciente de consulta en los varones españoles. La falta de autoestima es una de las principales causas que empujan al paciente a preocuparse por el tamaño de su pene. Los tratamientos de alargamiento de pene comportan un análisis psicológico del paciente.